Filtri

I filtri piani, le membrane ed i ditali filtranti sono elementi usati per separare le particelle solide e gli aerosol liquidi da un gas. La capacità di un supporto filtrante i trattenere le particelle non è legata solo all’effetto “setaccio” ma anche e principalmente ad una combinazione di diversi principi fisici che contibuiscono ad ottenere il risultato in maniera efficiente.

  • Movimenti Browniani (Diffusione)

    Il movimento browniano (diffusione) è il moto casuale della particella o aerosol nel flusso di gas ed è causato dalla collisione con gli atomi del gas su una scala molecolare. Qui si può vedere che la particella si scontra con la fibra mentre si muove liberamente nel flusso del gas. Più piccola è la particella (<0,1 μm) maggiore è la probabilità che si scontri con una fibra dell’elemento filtrante e venga quindi separata dal flusso di gas. Gli elementi filtranti che utilizzano il movimento Browniano forniscono migliori risultati di filtrazione con particelle aventi diametri aerodinamici inferiori.
  • Inerzia (Impatto)

    Le particelle con diamteri superiori ai 0,3 μm non seguono la corrente d'aria attraverso le fibre a causa della loro inerzia. Queste particelle vengono catturate quando impattano sulle fibre e vengono bloccate. Durante il flusso intorno alla fibra, la linea di flusso del gas si muove in una curva e la particella pesante, causata dalla sua inerzia a velocità più elevate, procede in una linea retta andando quindi a collidere con la fibra.
  • Intercettazione diretta

    Le particelle possono seguire una linea di flusso del gas e ancora essere raccolte senza effetto inerzia se il flusso avviene vicino ad una fibra. Ad esempio, se una particella con un diametro di 1 micron fluisce in un flusso di gas oltre una fibra ad una distanza di <0,5 micron, questa particella tocca la fibra e viene rimossa.
  • Affinità Elettrostatica

    Le particelle sono attratte dalle fibre caricate elettrostaticamente. Questo meccanismo di cattura è indipendente dalle dimensioni delle particelle.
  • Setaccio

    Le particelle hanno dimensioni maggiori degli interspazi tra le fibre e rimangono intrappolate.
  • La particella sfuggente

    Quando una particella entra in contatto con una fibra del filtro, essa viene rimossa dal flusso d'aria e viene ritenuta con forza. Il filtro deve essere progettato in modo tale che le fibre siano abbastanza vicine per far sì che la particella passi vicino alla fibra e sia attratta dalle forze Van der Waals. Una volta raccolte sul filtro, è molto difficile asportarle in maniera efficiente. Come si vede nel grafico riportato qui sotto, esiste una dimensione delle particelle in cui nessuno dei meccanismi di raccolta "meccanici" (intercettazione, impatto o diffusione) è particolarmente efficace. Questa è definita come la "particella più penetrante" (most penetrating particle size - MPPS) e rappresenta il miglior indicatore per valutare le prestazioni del filtro. Se il filtro dimostra un elevato livello di prestazioni al MPPS, le particelle sia più piccole che più grandi verranno raccolte con prestazioni ancora maggiori.
Scopri di più

Fibra di Vetro

Prodotti da fibre in borosilicato di elevata purezza, i filtri in fibra di vetro sono diventati nel tempo i supporti per il campionamento tra i più diffusi grazie al...

Fibra di Quarzo

Realizzati con quarzo puro al 100%, i filtri in fibra di quarzo sono i supporti ideali per il campionamento alle emissioni con temperature elevate grazie alla...

Cellulosa

Con l’introduzione sul mercato di filtri piani in fibra di vetro e quarzo più stabili, di elevata purezza e decisamente più economici, i filtri in cellulosa non sono più i maggiormente usati per...

Membrana polimerica PTFE

Grazie alla sua bassa resistenza al passaggio dell'aria e minima reattività nei confronti dei vari microinquinanti, il PTFE viene utilizzato soprattutto per il prelievo delle...

Membrana polimerica PCTE

Le membrane in policarbonato sono caratterizzate dall'elevata omogeneità dei diametri dei pori, ottenuta tramite il processo di "track-etching", dove la sottile membrana viene sottoposta al...

Membrane ceramiche

Composti da Ossidi di Alluminio, Titanio e Zirconio, i filtri ceramici sono usati in applicazioni estreme dove si rende necessario...

Membrane in Ossido di Allumina

Sono membrane realizzate in allumina anodizzata e consentono separazioni efficienti e basse cadute di pressione. Le membrane in ossido di allumina sono prive di...

Membrane in Argento

Le membrane in argento sono costituite da argento metallico puro al 99,97% e vengono utilizzate in molteplici applicazioni grazie alle loro...
Dado lab was estabilished in 2013 by a team of people with many years of knowledge, experience and know-how in monitoring and sampling equipment for both environmental and stack emission applications.

Dado Lab Srl

Via Pellizza da Volpedo 101A,
20092 Cinisello B. (MI)
tel. +39 02 36569420
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

R.E.A. MI n°2062810
Capitale Sociale € 50.000,00 I.V.
P.IVA 08356080963

Dadolab nasce nel 2013 da un team specializzato da anni nella costruzione di apparecchiature di monitoraggio e campionamento degli inquinanti in ambiente e in emissione.

Dado Lab Srl

Via Pellizza da Volpedo 101A,
20092 Cinisello B. (MI)
tel. +39 02 36569420
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

R.E.A. MI n°2062810
Capitale Sociale € 50.000,00 I.V.
P.IVA 08356080963

Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione e bloccare i Cookie, consulta la nostra informativa